La quinta ondata di COVID-19 a Hong Kong, la peggiore di sempre

La strategia zero-COVID di Hong Kong e la spinta vaccinale irregolare hanno reso la popolazione della regione amministrativa speciale cinese vulnerabile alla variante omicron. Lo riferisce Talha Burki.

Image
04/04/2022

Per tutto il 2021, Hong Kong ha riportato meno di 4000 casi di COVID-19. La città di 7,5 milioni di abitanti, ufficialmente designata come regione amministrativa speciale della Cina, si è allineata alla politica zero-COVID perseguita dal governo centrale di Pechino. In risposta alla pandemia, Hong Kong ha imposto periodi di quarantena obbligatori ai nuovi arrivati ??dall'estero e sospeso i voli dai paesi ad alto rischio. La reclusione obbligatoria in strutture di isolamento attende chiunque risulti positivo al SARS-CoV-2 e non richieda il ricovero in ospedale. Ristoranti, bar e palestre hanno avuto i loro orari di apertura ridotti a vari livelli. Interi quartieri sono stati sigillati nei cosiddetti blocchi di imboscate e tutti i residenti all'interno sono stati testati per SARS-CoV-2.

L'economia di Hong Kong ha sofferto. Come altrove, le persone con risorse limitate sono state colpite in modo sproporzionato sia dal COVID-19 che dalle azioni intraprese per controllarne la diffusione. “La natura di alcuni lavori non consente di lavorare da casa; quei lavori sono spesso ricoperti da persone con posizioni socioeconomiche inferiori e potrebbero non includere congedi per malattia retribuiti”, ha spiegato Roger Chung, co-direttore del Centro di bioetica dell'Università cinese di Hong Kong. “Gli impatti socioeconomici a seguito delle misure di contenimento contro il COVID-19 avranno conseguenze che rischiano di aumentare le disuguaglianze sanitarie a Hong Kong”. Le misure erano abbastanza solide da garantire che la variante delta non prendesse piede l'anno scorso. Ma la variante omicron si è rivelata una questione completamente diversa.

Una volta entrato a Hong Kong, sarebbe stato sempre difficile controllare la diffusione di una variante contagiosa come l'omicron. La densità di popolazione in città è alta. Molte persone vivono in enormi condomini, con sistemi di ventilazione e drenaggio collegati. Si pensa che almeno 200.000 individui siano alloggiati in case popolari suddivise, con piccole quantità di spazio personale.

I casi di COVID-19 hanno iniziato ad aumentare alla fine di gennaio 2022. I primi 5 giorni di marzo hanno visto 234.829 persone a Hong Kong risultate positive al SARS-CoV-2, più della metà del numero totale di casi registrati in città dal è iniziata la pandemia. "La situazione probabilmente è sfuggita di mano a causa della maggiore mescolanza sociale intorno al capodanno lunare, oltre alle caratteristiche della variante Omicron: ciò che funzionava prima non sembra funzionare altrettanto bene con Omicron", ha affermato Chung.

L'impennata in corso rappresenta la quinta ondata di COVID-19 di Hong Kong. I lavoratori migranti domestici hanno avuto un periodo particolarmente difficile. Si stima che a Hong Kong ci siano circa 330.000 individui di questo tipo, per lo più donne provenienti dall'Indonesia e dalle Filippine. Secondo la legge locale, sono tenuti a vivere con la famiglia che li impiega. Ci sono state segnalazioni di lavoratori domestici licenziati o istruiti ad andarsene dopo essere risultati positivi al SARS-CoV-2. Alcuni non hanno avuto altra scelta che dormire all'impazzata.

Il 5 marzo, il governo di Hong Kong ha emesso un comunicato stampa ricordando ai datori di lavoro i loro obblighi legali nei confronti dei lavoratori domestici. “Per quei collaboratori domestici stranieri occupati che risultano positivi al COVID-19 o sono considerati contatti stretti, riceveranno sostegno come qualsiasi altro cittadino di Hong Kong”, ha affermato il governo. "Le collaboratrici domestiche straniere che lavorano a Hong Kong sono una parte fondamentale della nostra comunità".

L'ondata ha travolto le strutture di isolamento di Hong Kong. Diverse centinaia di case di cura per anziani e persone con disabilità stanno vivendo focolai. Sono emerse segnalazioni di obitori traboccanti e corpi che si accumulano negli ospedali. Le voci di un blocco in sospeso hanno provocato acquisti nel panico. Abbondano le storie di cittadini risultati positivi al SARS-CoV-2 che dormono fuori o nelle scale, per evitare di contagiare i familiari.

La situazione è stata drammaticamente peggiorata dalla copertura irregolare con i vaccini COVID-19. Al momento in cui scrivo, il 78% delle persone di età pari o superiore a 12 anni a Hong Kong aveva ricevuto entrambe le dosi del vaccino. Ma meno di un terzo di quelli di età superiore agli 80 anni era stato completamente vaccinato. Quando omicron ha colpito Hong Kong, la percentuale di residenti nelle case di cura completamente vaccinati era inferiore al 20%. "Sono molto deluso dal fatto che, nonostante l'accesso precoce, privilegiato e duraturo ai vaccini COVID-19, abbiamo ancora questo grande gruppo vulnerabile che rimane coperto in modo non ottimale", ha commentato Gabriel Leung, preside di medicina presso l'Università di Hong Kong. La quinta ondata di COVID-19 ha già ucciso più di 2000 persone a Hong Kong. Un'analisi dei primi 1153 decessi ha rivelato che il 92% dei deceduti non aveva ricevuto entrambe le dosi del vaccino COVID-19.

Hong Kong è entrata nella pandemia nel mezzo di una grande agitazione sociale. Sezioni della società hanno perso fiducia nel governo, il che potrebbe aver influenzato la loro volontà di assumere il vaccino. Chi Chiu Leung, ex presidente del comitato consultivo per le malattie trasmissibili dell'Associazione medica di Hong Kong, ritiene che il basso assorbimento sia in parte attribuibile alla mancata garanzia della sicurezza dei vaccini, dopo che una manciata di sospetti eventi avversi sono stati segnalati nei primi giorni del lancio.

Anche Hong Kong potrebbe essere una vittima del suo stesso successo, con la mancanza di una trasmissione diffusa di SARS-CoV-2 negli ultimi 2 anni che ha provocato un atteggiamento di compiacimento. "La gente ha iniziato a pensare 'se non c'è il rischio di contrarre questo virus, perché dovrei espormi ai potenziali effetti collaterali'", ha detto Gabriel Leung a The Lancet Infectious Diseases . “Si è diffusa l'idea che Omicron fosse mite come l'influenza; le persone non stavano prendendo le precauzioni che avrebbero dovuto essere”, ha aggiunto Chiu Leung.

Il lavoro in corso di Gabriel Leung mira a calcolare il tasso di mortalità associato all'omicron a Hong Kong. "Quando guardi i dati del numeratore, è decisamente molto preoccupante, soprattutto considerando che abbiamo una copertura vaccinale molto bassa nelle fasce di età più vulnerabili, comprese quelle istituzionalizzate", ha affermato. La relativa mitezza delle precedenti ondate di malattie significa che non c'è molta immunità generata dall'infezione per mitigare gli effetti dell'omicron.

Il governo di Hong Kong ha risposto alla quinta ondata rafforzando le misure di controllo e pianificando un programma di test di massa per marzo. Chi Chiu Leung mette in dubbio i tempi. "Abbiamo una sostanziale trasmissione nella comunità e nessun posto dove isolare le persone", ha affermato. “In questa fase della pandemia, i test di massa non contribuiranno a controllare l'epidemia. La priorità dovrebbe essere data al triage dell'enorme numero di pazienti COVID-19 in base alle loro esigenze di trattamento e isolamento e consentire ai pazienti guariti dalla popolazione attiva altamente vaccinata di riprendere rapidamente i loro doveri essenziali".

Gabriel Leung ha sottolineato l'importanza di distribuire vaccini e antivirali COVID-19 alle popolazioni anziane e vulnerabili, con una forte attenzione alle case di cura. "Dobbiamo procurarci e fornire molto rapidamente una quantità enorme di nuovi antivirali contro COVID-19", ha affermato. “L'altra cosa cruciale sarà rallentare il flusso di pazienti nel pronto soccorso e nei letti per acuti. Il sistema è sottoposto a una tensione tremenda; è quasi sul punto di implodere sotto il suo stesso peso”.

Chi Chiu Leung stima che la quinta ondata di Hong Kong raggiungerà il picco all'inizio di marzo. Una volta ripreso il controllo dell'epidemia, Hong Kong dovrà decidere tra due approcci molto diversi alla pandemia. Vuole riprendere la strategia zero-COVID seguita dalla Cina, o adottare l'obiettivo di convivere con la malattia, in linea con la maggior parte del mondo?

Fonte: https://www.thelancet.com/journals/laninf/article/PIIS1473-3099(22)00167-0/fulltext